9 agosto 2016

Oggi siamo andate a Keitum in bicicletta.

Ciò che mi ha colpito maggiormente di questa giornata è il nero, la parte oscura di cielo e mare. Il cielo era per la verità lattiginoso, emanava una luce intensa e spettrale al contempo. La difficoltà a tenere gli occhi aperti nonostante ci fossero prevalentemente nubi quando guardavo il cielo, aveva qualcosa di inspiegabile, così come l’impossibilità di capire quando sarebbe iniziato a piovere. Ci siamo beccate ben tre scrosci di pioggia. Essere per strada a piedi o in bici e venir travolta da un acquazzone che per qualche minuto mi impediva di vedere oltre il mio naso, mi ha messa a dura prova. Il vento che quasi spostava la bici mentre pedalavo e mi schiaffava mille odiosissime goccioline in faccia, mi ricordava ogni volta di quanto sia ancorata al bisogno di controllo, sparigliando i miei punti fermi.

Il mare era scuro oggi, torbido ed immobile. Quando siamo arrivate c’era la bassa marea e pestando per distrazione la sabbia umida del mare ritirato, stavo per essere risucchiata da una poltiglia nera e melmosa che è rimasta attaccata ad una parte di suola per tutto il giorno. Il litorale di Sylt si caratterizza per una grande differenza tra alta e bassa marea, quando il mare si ritira si può passeggiare per dei chilometri, ma bisogna conoscere bene il fondale perché si rischia di venire inghiottiti, come nelle sabbie mobili.

Durante i miei studi adoravo i racconti di Theodor Storm, che descriveva proprio questi paesaggi e sceglieva le zone paludose come territori liminali tra conscio ed inconscio, spesso popolati da presenze spettrali e sinistre. Oggi li ho visti tutti quei personaggi ed ho amato profondamente l’oscurità, la fragilità umana di fronte alla natura, grande maestra di vita.

Oggi mi sono vista nel mio disagio di fronte all’imprevedibilità metereologica, ma anche nella mia forza quando è il momento di pedalare per depistare la pioggia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...